Simulazione dell’evento alluvionale sul fiume Secchia del Gennaio 2014

In questo lavoro è stata simulata mediante un codice numerico sviluppato internamente l’evento alluvionale avvenuto sul fiume Secchia nel Gennaio 2014, in cui la formazione di un breccia nell’argine destro ha causato l’allagamento di diverse centinaia di km quadrati nella provincia di Modena. Grazie alla capacità del codice di calcolo di sfruttare la potenza computazionale delle schede GPU, è stato possibile realizzare un modello integrato e bidimensionale dell’asta fluviale e del territorio potenzialmente interessato dall’allagamento, risolvendo le equazioni alle acque basse in forma completa.

La simulazione è stata condotta su un dominio di 180 km quadrati, adottando una griglia cartesiana composta di oltre 7 Milioni di elementi con lato 5 m. In questo modo è stato possibile descrivere in maniera accurata tutti gli elementi topografici che influiscono in maniera significativa sull’evoluzione dell’allagamento, quali rilevati stradali, ferroviari e le arginature del reticolo idrografico minore. La simulazione è stata validata confrontando i risultati con diversi dati raccolti sul campo, compresa un’immagine satellitare ad alta risoluzione di tipo SAR.

Secchia

Figura: Confronto fra l’mmagine satellitare dell’allagamento e I risultati della simulazione (in rosso).

 

Grazie alle capacità di calcolo del modello, e alla robustezza dell’algoritmo impiegato, il rapporto fra il tempo di simulazione e quello fisico è pari a 1/15.

La notevole velocità di calcolo e l’elevata accuratezza del modello rendono possibile il suo impiego sia per definire scenari di allagamento off-line, sia (qualora accoppiato a modelli di previsione in tempo reale) per realizzare simulazioni in tempo reale di allagamenti e propagazione delle piene.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *